Venerdì, 26 Settembre 2014 12:44

Nasce il nuovo Centro di Raccolta a Busnago

Nasce il nuovo Centro di Raccolta a Busnago

La nuova Unità di Raccolta di Busnago è pronta per il taglio del nastro. La nuovissima sala prelievi, realizzata al 1° piano del Centro Commerciale “Il Globo” (via Italia 197), è tirata a lucido in attesa dell’inaugurazione ufficiale che si terrà nella mattinata di sabato 4 ottobre 2014.

C’è fermento nel mondo avisino per questa sua ultima creatura, un evento che raccoglie in sé molti elementi che lo rendono una novità davvero assoluta nel suo genere.

Il nuovo centro di raccolta è infatti la soluzione ideale di una situazione di difficoltà che si è venuta a creare nel nostro territorio nel corso degli ultimi mesi. Un passo indietro.

Secondo la normativa vigente, entro il 31 dicembre 2014 le Unità di Raccolta di tutta Italia dovranno adeguarsi ai “requisiti minimi” previsti dalla legge per ottenere l’autorizzazione e l’accreditamento alla raccolta di sangue (DPR 14.1.1997; Legge n. 219/2005; D.Lgs. n. 261/2007). La maggiore criticità nell’ottenere l’autorizzazione e l’accreditamento da parte delle UdR è quella relativa ai requisiti strutturali, cioè l’adeguatezza dei locali nei quali si svolge la raccolta. Secondo la legge infatti “…l’Unità di raccolta fissa dispone di locali atti a garantire l’idoneità all’uso previsto, con specifico riferimento all’esigenza di consentire lo svolgimento delle diverse attività in ordine logico, al fine di contenere il rischio di errori, nonché operazioni di pulizia e manutenzione atte a minimizzare il rischio di contaminazioni”.

Non tutte le Unità di Raccolta delle province di Monza e di Milano sono state in grado di adeguarsi  alla norma e sono state quindi, conseguentemente, chiuse. Tra queste ci sono state quelle di Bernareggio, per Monza, e di Trezzo e Vaprio d’Adda per Milano. Di comune accordo, le due relative Avis provinciali, alcuni mesi fa, si sono attivate per trovare una soluzione a questi “buchi” creatisi nel tessuto dei punti di raccolta del territorio. La fattiva collaborazione tra le due Avis, che già convivono sotto lo stesso tetto nel Centro Formentano di Limbiate, ha portato a individuare a Busnago uno spazio adatto sia per quanto riguarda le norme sanitarie sia per la ricettività dei donatori di sangue.

La buona posizione di Busnago infatti, consente a molte Avis comunali brianzole e milanesi di far convergere lì i propri donatori. Al momento sono 11 le Avis comunali che invieranno donatori a Busnago: Bernareggio, Busnago, Cambiago, Carnate, Cornate d’Adda, Ornago, Ronco Briantino, Vimercate (Monza e Brianza) – Trezzano Rosa, Trezzo sull’Adda, Vaprio d’Adda (Milano).

La gestione del nuovo centro è di competenza di Avis Provinciale Milano, così come già avviene per il Centro Formentano di Limbiate. Nell’attesa di inaugurare il nuovo Centro, parole di soddisfazione sono state espresse dal Gianluca Basilari, presidente di Avis Provinciale Milano: «L'apertura di questa nuova Unità di Raccolta in Busnago è il segno tangibile dell'impegno dell'associazione nel voler essere vicino ai donatori e dare una nuova casa Avis dove trovare non solo un luogo accogliente ma soprattutto un centro all'avanguardia ed in regola con tutte le più cogenti norme. Ancora una volta Avis Provinciale Milano mette in campo tutta la sua esperienza per riuscire a dare un fattivo contributo all'autosufficienza lombarda».

Entusiasmo anche in casa brianzola, attraverso le parole del suo presidente Roberto Saini: «Questa nuova Unità di Raccolta è una grande soddisfazione perché arriva come soluzione a una situazione negativa. Alla forzata chiusura di alcuni punti di raccolta siamo stati capaci di rispondere creandone uno nuovo, dove si potrà donare quasi tutti i giorni, venendo così incontro alle esigenze di flessibilità richieste dai donatori. A me piace pensarlo come un nuovo, piccolo Centro Formentano, questa volta frutto della sinergia tra le Avis provinciali di Monza e di Milano». 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.