Lunedì, 28 Aprile 2014 14:26

Avis nelle Scuola con "Dai un ritmo al tuo sangue: dona!"

Avis nelle Scuola con "Dai un ritmo al tuo sangue: dona!"

Il Centro di Raccolta Mobile di Avis Provinciale Milano, entra a scuola il 20 marzo 2014 per avvicinare i ragazzi al tema della donazione del sangue.

I ragazzi di terza superiore dell’Istituto “Alessandrini” di Vittuone sono stati protagonisti del progetto “Dai un ritmo al tuo sangue: dona!”, promosso dalle sezioni AVIS del magentino in collaborazione con la dott.ssa Garavaglia Letizia.

Gli alunni, da veri protagonisti del progetto, hanno cercato di comprendere le motivazioni che spingono a diventare dei donatori di sangue, e come una sacca di sangue in molti casi può fare la differenza permettendo di salvare vite umane. Queste tematiche sono state loro proposte attraverso video e filmati, in cui si sono potuti immedesimare, per comprendere come la solidarietà e l’altruismo spesso sono un’occasione di crescita.

La visita dell’autoemoteca, definita dai ragazzi “camioncino”, li ha sicuramente affascinati perché hanno avuto modo di vedere direttamente gli strumenti usati per la donazione di sangue: i ragazzi si sono seduti sulle poltrone dei donatori e hanno seguito passo passo le procedure di donazione senza tuttavia effettuare la donazione, cosa che potranno fare quando saranno maggiorenni.

Negli incontri svolti nelle classi con la partecipazione attiva degli studenti, si è potuto constatare come la presa di coscienza che gli stessi hanno elaborato, volta ad una corretta e positiva gestione della propria vita e della propria salute, non sia un parametro solo personale ma coinvolge anche i propri amici ed il prossimo in generale.

Il livello di coinvolgimento, molto positivo, è stato evidenziato nella valutazione che è stata rilevata dai questionari compilati dagli studenti. Questo ci sprona a completare l’attività nel corso del prossimo anno scolastico integrando la possibilità di arrivare ad eseguire l’idoneità alla donazione contestualmente alla presenza dell’autoemoteca.

Un esempio positivo di come i ragazzi, grazie alla loro impulsività e spontaneità, sanno lasciarsi coinvolgere comprendendo che la donazione, di sangue ma non solo, è ancora oggi fondamentale, nonostante l’impronta individualista della nostra società.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.